SONO ACCETTABILI PERDITE SUPERIORI AL 50% ?

La domanda non procrastinabile è la seguente: possono i responsabili di un servizio idrico accettare di buon grado che i propri acquedotti accusino delle perdite occulte d’acqua superiori al 50% della produzione? La risposta al quesito, a giudizio di chi scrive ed anche prescindendo dalle prescrizioni di legge di per sè assai severe, non può che essere negativa.

Un paragone calzante potrebbe essere quello di una fabbrica di scarpe che ha uno scarto di cuoio superiore alla meta di quello approvvigionato. Uno scarto normale sia per gli acquedotti che per la fabbrica di scarpe può essere dell’ordine del 15 – 20% ma non di più.
In campo acquedottistico sussistono alcuni paradossi. Prima di tutto non sempre vengono eseguite le verifiche delle perdite realmente avute dando così la dimostrazione maestra della disaffezione per un servizio così importate ed appassionante come l’acquedotto. Altre volte la percentuale di perdita calcolata non corrisponde affatto alla verità. Ma quello che sorprende è la totale indifferenza con cui viene accolta la notizia delle perdite. I media riferiscono con abbondanza di particolari che i volumi dispersi sono spropositati ma non si spreca un sufficiente numero di parole sulla preoccupazione  creata da tale stato di cose. La piena giustificazione  professata concerne per lo più il cattivo stato degli impianti che risulterebbe essere l’unico responsabile di perdite così gravose nel mentre l’impossibilità di ovviarvi deriverebbe esclusivamente dalla mancanza dei fondi necessari per eseguire il  rifacimento generale degli impianti.

L’obiezione dello scrivente è di altra natura: a mio avviso quello che manca prima di tutto è uno studio serio delle modalità da seguire per la sistemazione generale degli acquedotti con eliminazione delle perdite nel mentre è troppo semplicistica l’attribuzione sopra detta del male. Uno studio fatto bene aprirebbe gli occhi impostando una strategia che, magari a poco a poco, darebbe frutti copiosi. Non sarà assolutamente così  per l’impossibilità di vincere il  peggior nemico e cioè l’incompetenza e la mancanza  di vero interesse  per la materia. I progetti in gestazione, infatti, sono inefficaci  :  o concernono improvvisazioni raffazzonate per inseguire l’emergenza oppure vengono redatti da teorici che non hanno sufficiente esperienza di gestione effettiva degli acquedotti. I risultati sono sotto gli occhi di tutti e sono confermati da una perdita totale d’acqua che in italia raggiunge volumi assolutamente insostenibili.
Concludo con la frase: una perdita d’acqua pari o superiore alla metà di quella prodotta è assolutamente inammissibile in qualsiasi acquedotto.

Perdite acquedotti
Perdite acquedotti
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...