UN GENERE DI LAVORO MOLTO RICHIESTO: LA LETTURA DEI CONTATORI DELL’ACQUEDOTTO – FOLLIA PURA!

Contatori in uso normale
Contatori in uso normale

Chi è in cerca di lavoro basta che scorra su google e troverà un numero innumerevole di offerte di lavoro. I gestori degli acquedotti faticano molto nell’espletamento di una funzione sciocca perché è impensabile che esistano ancora strumenti trogloditici come i contatori di utenza, importante perché da essa dipende l’introito dell’azienda ed infine tanto costosa da evitare di farlo con personale proprio. Si diffonde sempre di più l’esigenza di appaltare le letture. Un altro sistema molto in uso e completamente sbagliato è quello di sostituire alternativamente le letture reali con quelle fittizie da pareggiare in secondo tempo.
Questi ragionamenti fatti al giorno d’oggi quando la tecnica è in grado di compiere dei veri miracoli tecnologici, sono totalmente fuori posto. Lo sono ancora di più se si pensa quali enormi vantaggi darebbe la lettura automatica in tempo reale. SI va da una notevole economia di spesa, ad una maggiore equità nell’addebito delle bollette ma soprattutto ad enormi vantaggi nella gestione delle reti ( vedi nota “IL MEMORABILE EVENTO ACQUEDOTTISTICO “CREARE CONTATORI MULTIFUNZIONE” PUO’ CONSIDERARSI GIA’ AVVENUTO” )

LETTURISTA
Letturista all’opera nella lettura di contatore in pozzetto

A mio avviso il fatto che non si proceda affatto alla risoluzione di un problema tutt’altro che difficile come quello in argomento, rappresenta un’ulteriore prova della gestione insensata degli acquedotti italiani .

Annunci

One thought on “UN GENERE DI LAVORO MOLTO RICHIESTO: LA LETTURA DEI CONTATORI DELL’ACQUEDOTTO – FOLLIA PURA!

  1. Ha pienamente ragione. Molta di più se conoscesse le cento altre nefandezze che caratterizzano gli acquedotti. Riuscirebbe ad immaginare un oste che avesse le botti che spendono per terra la metà del loro contenuto? Ebbene questo fanno gli acquedotti senza pensare che il solo abbassamento della pressione di notte quando i consumi sono bassi porterebbe di colpo le perdite dal 50 al 25%!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...