LA RAZIONALIZZAZIONE DEGLI ACQUEDOTTI

 

 

UNA QUESTIONE DI PRIM’ORDINE MAI RISOLTA

Nel n. 4/2017 de “L’Acqua”, organo ufficiale dall’Associazione Idrotecnica Italiana, è pubblicato un articolo del sottoscritto avente lo stesso titolo di questa nota. Vi trovano posto i problemi più volte da me  trattati in questo sito ma con una novità di rilievo. Per la prima volta, almeno stando alle mie conoscenze, la mia ferrea critica nei riguardi della distrettualizzazione acquedottistica, viene presentata fin dal  testo introduttivo della rivista  redatto dal Direttore Responsabile Dott. Armando Brath  senza formulare una dissociazione specifica e marcata dallo scottante tema ” distrettualizzazione“, ma invece rimarcandone la  trattazione  con le seguenti testuali parole :

La Sezione è chiusa da una nota di Meneghin sui sistemi acquedottistici, in cui viene esposta una visione critica degli usuali interventi di razionalizzazione delle reti, in particolare la distrettualizzazione; a giudizio dell’autore, invece, un uso intensivo e pervasivo del telecontrollo è l’unica via da percorrere per la razionalizzazione e per un effettivo efficientamento del funzionamento delle reti acquedottistiche. “

Da notare come nell’articolo io non dia luogo alla facile contestazione del danno di spezzettamento delle reti acquedottistiche che la distrettualizzazione, provoca  ma invece come vi  sostenga  una questione di principio in base alla quale i problemi degli acquedotti dovrebbero venire risolti operando una rivoluzione generale che riguardi  tutti i suoi componenti a partire dagli impianti di sollevamento, per arrivare all’ottimale accumulo nei serbatoi di compensazione a terra, alla immissione nella rete dell’acqua in diretta a pressione regolata e quindi alla eliminazione delle vasche di carico ed infine  ad una diversa conformazione della rete tramite condotte molto interconnesse. Nel mio articolo appare chiaramente che la distrettualizzazione si assume la colpa di  impedire che nemmeno in un futuro lontano si dia inizio alla citata rivoluzione   vista la  falsa immagine che viene diffusa e che considera  già risolti i problemi degli acquedotti grazie alla  distrettualizzazione  medesima.

Da rilevare come fino al giorno d’oggi nessun  mio articolo che  mettesse in dubbio la validità della nuova modalità compositiva della rete di cui si tratta, trovava ospitalità in pubblicazioni tecniche ufficiali non essendo ammissibile che una tecnica, imposta dalla legge e largamente usata come quella in oggetto, potesse essere messa in discussione. Ne facevano e fanno tuttora  fede i risultati effettivamente ottenuti nei sistemi idropotabili anche di grandi dimensioni dove la sua applicazione pratica  è molto diffusa. E’ facile controbattere che prendere come campione di riferimento un acquedotto caratterizzato dalle disfunzioni peggiori e poi da questo confronto definire ottimale la soluzione scelta, costituisce un falso bello e buono: un risultato può ritenersi  valido solo se è derivato  dal confronto con un acquedotto di normale funzionalità o meglio ancora quando si dimostra più efficiente rispetto di un sistema aggiornato secondo le nuove tecnologie. Nel  caso in questione  la dichiarazione  costituisce solo un grave contributo alla perpetuazione di acquedotti di concezione obsoleta ed all’allontanamento nel tempo della loro rinascita tecnico economica.

In definiva il veder pubblicate le mie idee su una rivista qualificata come L’Acqua rappresenta  per mè   una vera soddisfazione cui và  ad aggiungersi la citazione introduttiva svolta dal Direttore Responsabile e che io considero nettamente positiva. con la viva speranza che il tutto contribuisca all’applicazione pratica delle innovative proposte formulate.

Chi volesse prendere visione dell’articolo completo di figure può farlo cliccando qui: altratecnica articolo su rivista l’acqua 

 

PS. Pubblico le osservazioni sul  mio articolo da parte di un qualificato professore universitario

 

Ho letto con immenso interesse e piacere la sua memoria che condivido totalmente.

La sua memoria riflette le attuali direzioni della ricerca più avanzata, ed è giustamente provocatoria, come è giusto che sia per smuovere l’inerzia al cambiamento e movimentare le risorse economiche che sarebbero necessarie.

La distrettualizzazione, come lei giustamente scrive, è una soluzione di compromesso, ma se siamo nel contesto di una memoria atta a spiegare le modalità di gestione auspicabili, la distrettualizzazione non può essere premiata, non solo perché funge da placebo, ma anche perché viene fatta su reti topologicamente complesse e ne aumenta la complessità… è solo un compromesso tra costi e funzione ancora per ora accettabile.
In ogni caso per modernizzare il sistema acquedottistico, obsoleto, bisogno fare un salto e pensare out of the box con soluzioni razionali combinate ai moderni vantaggi tecnologici (e con le giuste risorse economiche destinate).

La sua memoria andrebbe esaltata, non censita così superficialmente.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...