LA FOGNATURA DI MESTRE ED I MADORNALI ERRORI CHE NE COMPROMETTONO LA FUNZIONALITÀ’

fognEtruria
Un esempio eclatante di errore madornale: le acque fognarie miste della Gazzera sono convogliate a nord fino a Zelarino per poi ritornare a sud ripassando per la Gazzera con pericolo di allagamenti dovuti al dislivello da Zelarino a Gazzera

La concezione di base degli impianti fognari della città di Mestre è piena di errori gravissimi che portano ad uno smaltimento delle acque reflue costoso, fonte di frequenti inondazioni delle aree abitate e dei conseguenti danni gravi ed infine a scaricare nella laguna notevoli volumi di sostanze inquinanti

Avendo già pubblicato numerosi articoli sull’argomento mi limito ad elencarli con i titolo degli articoli e con relativi link di apertura dando modo ai lettori di leggere le parti che li interessano. La sequenza temporale degli articoli fa intendere anche la progressione reale degli avvenimenti e le conferme avute anno per anno dello stato precario del sistema fognario mestrino. Di seguito i titoli.

–   LA FOGNATURA DI MESTRE E’ UN BIDONE? 

–   LA FOGNATURA DI MESTRE E’ UN BIDONE? PARTE SECONDA 

–   LA FOGNATURA DI MESTRE E’ DESTINATA AD ESSERE PER SEMPRE UN BIDONE?

–   OGNI NUOVO PROGETTO DELLA FOGNATURA DI MESTRE COSTITUISCE PROVA INCONFUTABILE DEL MANCATO FUNZIONAMENTO ATTUALE E FUTURO DELL’INTERO SISTEMA DI SGRONDO ACQUE PIOVANE !

 Il ritratto complessivo che ne deriva è quello di un sistema difficilissimo da gestire per le condizioni molto complesse dell’area per giunta servita da una obsoleta interconnessa fognatura di tipo misto  formatosi durante vari anni  disordinatamente e senza mai essere stata oggetto di una verifica del suo funzionamento globale ed addirittura eseguendo stralci di grande mole non coordinati tra di loro essendo considerati come a s’è stanti essendo previsti non già per costituire un insieme finale organico ma solo delle opere singole tese a risolvere la contingente situazione di emergenza. In conclusione le fognatura di Mestre è un insieme caotico di opere recenti che sfociano su una rete principale obsoleta, non adatta alla Mestre di oggi e pertanto errata e poco nota nella sua costituzione  nei suo funzionamento realei Il tutto è  ulerirmente gravato  dai gravosi compiti che l’attendono come e il dover accogliere, convogliare e trattare in aggiunta alle portata attuali anche

quelle molto cospicue che le deriveranno dai nuovi piani ngenerali inerenti i marginsmenti della zona industriale di Maarghera

 

 

 

 

 

 

Annunci