Rete di Adduzione

CondAdduzione
Costruzione condotta di adduzione

Vengono qui trattate le opere che svolgono la funzione di trasporto dell’acqua dalle fonti fino alla rete di distribuzione.

Molto frequentemente sono composte da una condotta singola di grande diametro ed estensione. Le regole da seguire nella costruzione e nella gestione sono le stesse che interessano le condotte acquedottistiche in genere ed in questo lavoro non formano oggetto di particolare trattazione preferendo rinviare l’argomento ai testi classici. Si riportano solo alcune osservazioni del tutto specifiche.

Le condotte di adduzione rappresentano un elemento essenziale per l’esercizio della rete che alimentano e per questo dovranno essere rigorosamente adottate le migliori regole di progettazione, salvaguardia e di ottimizzazione della loro costituzione ed esercizio.

Si cureranno in particolare:

  • la qualità dei materiali;
  • l’andamento planimetrico ed altimetrico impostando rigorosamente le livellette, gli scarichi e gli sfiati secondo le migliori regole acquedottistiche ed evitando in modo assoluto l’inserimento di prese d’utenza che possono costituire fonte di disservizi ma che impongono, di contro, una maggior cura nella adozione degli accorgimenti atti ad una ottimale evacuazione dell’aria dall’interno delle tubazioni.

Preliminarmente si avrà cura di verificare la possibilità di avere alimentazioni multiple di una stessa rete ed inoltre di sostituire alle condotte singole di adduzione della vere e proprie reti magliate di adduzione che, come ben noto, presentano molti vantaggi riguardo la sicurezza di esercizio e le basse perdite di carico che le caratterizzano. I questo settore é essenziale esaminare la possibilità di creazione di reti unificate a servizio di aree molto estese comprendenti città e paesi vicini ed anche lontani.

Esempio di adduzione a gravità con  portata eccedente interamente utilizzata per produrre energia elettrica
Esempio di adduzione a gravità con portata eccedente interamente utilizzata per produrre energia elettrica

In alcuni casi la presenza di reti di adduzione di grandi dimensioni e con notevoli dislivelli altimetrici consente di prevedere una duplice utilizzazione del sistema aggiungendo a quella prettamente acquedottistica anche la funzione sussidiaria di produrre energia elettrica approfittando dei periodi di eccedenza del volume d’acqua producibile rispetto a quello richiesto (“L’UTILIZZAZIONE DELLE CONDOTTE ADDUTTRICI PER PRODURRE ENERGIA ELETTRICA”).

Infine la concezione generale delle reti di adduzione deve tener in debito conto quanto detto in merito al concetto generale di “rete” e cioè essere congruenti con la strategia generale degli insiemi acquedottistici , ad iniziare nelle aree vicine per estendersi attraverso gli anni a tutte le altre, per tutto ciò che riguarda scambio di portate, di informazioni, di materiali, di personale ecc. ecc. Di tutto questo tratterà dettagliatamente la sezione “IL FUTURO”.

Ponte canale che un tempo alimentava la città di Loano (SV)
Ponte canale che un tempo alimentava la città di Loano (SV)
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...